Tabacchificio ex-ATI

  • Stampa

COMUNICATO STAMPA 2 MARZO 2016

IL TABACCHIFICIO EX-ATI DI VIA ROSA JEMMA E' UN PATRIMONIO DELLA CITTA' E TALE DEVE RIMANERE.
I CITTADINI A CINQUE STELLE DI BATTIPAGLIA SEGNALANO UNA OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO EUROPEA PER IL SUO RECUPERO

 

Il tabacchificio ex-ATI di via Rosa Jemma è stato da sempre terreno di conquista per le speculazioni edilizie nella nostra città, fin dal lontano 1997 quando fu acquisito al patrimonio comunale e quindi di tutti i cittadini. Numerosi sono stati nel tempo i tentativi di monetizzare il valore della struttura, mettendola in vendita oppure provando a realizzarci un Centro Direzionale (edifici ad uso imprenditoriale), tentativi fortunatamente tutti falliti.
A scrivere la parola fine è intervenuto nel 2007 il vincolo della Soprintendenza ai BAPPSAE che prescrive unicamente la demolizione delle strutture più recenti, realizzate negli anni '70-'80, per ricostruire al loro posto "i due essiccatoi demoliti a suo tempo, da rifarsi nelle forme, nella tipologia e nei materiali simili a quelli esistenti". A nulla sono valsi gli ulteriori tentativi fatti dalle giunte di quegli anni di annullare nei tribunali amministrativi queste salvifiche prescrizioni.
Il tabacchificio è un bene di preziosissimo valore storico, di proprietà dei cittadini, e tale resterà.
E' vero che la struttura va recuperata all'uso della cittadinanza, anche perché si trova a pochi passi dal centro della città, così come è vero che i fondi necessari al suo recupero sono di difficile reperimento.
La Commissione Straordinaria ha mantenuto alta l'attenzione in questi anni nel tentativo di reperimento di fondi per il recupero, è per questa ragione che, come cittadini, abbiamo suggerito una nuova opportunità di finanziamento europeo, basato sulla iniziativa Urban Innovative Actions (UIA).
Nel caso di aggiudicazione del finanziamento, si potrebbe finalmente coronare il sogno di tante associazioni artistiche Battipagliesi che potrebbero disporre finalmente di un unico polo culturale per lo svolgimento delle loro attività.

Di seguito, il testo della comunicazione inviata alla Commissione Straordinaria.
Ci auguriamo che l'ottenimento di questi fondi possa essere davvero il punto di svolta per archiviare definitivamente la fame speculativa di taluni presunti "amministratori del bene comune" e per dare a Battipaglia il giusto ruolo di città capofila della piana del Sele, anche dal punto di vista culturale.

--------------------

Alla cortese att.ne della Commissione Straordinaria
Dott.ssa Ada Ferrara - Dott. Gerlando Iorio - Dott. Carlo Picone
Comune di Battipaglia
Palazzo di Città

Oggetto: Richiesta partecipazione del Comune di Battipaglia al bando “Azioni innovative nel campo dello sviluppo urbano sostenibile” - "Iniziativa Urban Innovative Actions" (UIA) 15/12/2015 – 31/03/2016

Spettabili membri della Commissione straordinaria,
la Commissione europea ha lanciato l'iniziativa Urban Innovative Actions (UIA), volta a individuare ed a testare nuove soluzioni che affrontino i problemi relativi allo sviluppo urbano sostenibile e che siano rilevanti a livello europeo.
L'obiettivo principale dell'iniziativa UIA è quindi quello di offrire alle autorità urbane europee spazi e risorse per testare nuove e audaci idee per affrontare sfide interconnesse e verificare come tali idee rispondano alla complessità delle realtà sociali. I progetti da sostenere dovranno essere innovativi, di buona qualità, concepiti e realizzati con il coinvolgimento dei soggetti interessati, orientati ai risultati e trasferibili.
Si tratta di una iniziativa riservata a grandi unità amministrative locali, infatti il requisito minimo di partecipazione si riferisce ad entità comprendenti almeno 50.000 abitanti.
Il budget stanziato è di 80 milioni di euro. Ciascun progetto potrà ricevere un cofinanziamento fino a 5 milioni di euro, pari fino all’80% dei costi ammissibili.
La data di scadenza per la presentazione della domanda è il 31/03/2016, ore 14:00.
Si tratta pertanto di una opportunità di finanziamento molto rilevante per la nostra amministrazione cittadina, e va certamente fatto il tentativo di sfruttare questa opportunità per iniziative di sviluppo sostenibile di cui la nostra città ha certamente bisogno.

Tra le numerose ipotesi di sviluppo della nostra città sulla quale tali fondi potrebbero efficacemente essere impiegati, certamente saprete che c'è un grande interesse da parte della cittadinanza per la riqualificazione dell'ex Tabacchificio ATI di Via Rosa Jemma come polo culturale cittadino, di proprietà pubblica, a pochi passi dal centro cittadino. In tale direzione si sono già rivolti i vostri sforzi in passato, con la partecipazione lo scorso anno a bandi regionali di cui tuttora non si conosce l'esito.
Lo stesso tabacchificio si trova sotto vincolo da parte della Soprintendenza ai BAAS, che prevede la demolizione dei corpi di fabbrica realizzati di recente e la ricostruzione fedele all'originale dei due essiccatoi precedentemente demoliti. In uno di questi, date le dimensioni, sarebbe finalmente possibile ricavare un teatro comunale a disposizione di cittadini ed associazioni culturali.
Si tratterebbe di un modello già adottato con grande successo a Parma, col recupero dello stabilimento Eridania trasformato nell'Auditorium Paganini con un progetto di Renzo Piano.
Un finanziamento consistente come quello individuato dal corrente bando potrebbe finalmente ridare luce agli sforzi fatti da tecnici battipagliesi negli anni passati che hanno lavorato per una idea di recupero di un patrimonio storico che deve restare di proprietà dell'intera comunità battipagliese.
Gli spazi ottenibili in questo modo darebbero finalmente opportunità di sviluppo alle tante iniziative culturali che sono numerosissime nella nostra città, ma che vedono sempre l'assenza di un polo unico di aggregazione culturale attorno al quale potrebbe crescere un nuovo modo di pensare la nostra cittadina.

Ricordiamo che i termini per la presentazione dei progetti sono molto stringenti (31 Marzo), per cui siamo certi che, nella Vostra sensibilità istituzionale, non mancherete di sfruttare (qualora non lo aveste già fatto) tale opportunità di finanziamento a tutto vantaggio della nostra cittadina.
Certi di incontrare la vostra sensibilità, Vi inviamo i nostri migliori saluti.